Home
Novità
Sistema
Internet
Multimedia
Notizie
Meteo
Sport
Oroscopi
Donna
Economia
Elenchi telefonici
Spettacoli
EcoAmbiente
Viaggi
Foto
No installazione
Enciclopedie
Traduzioni
Servizi
Linux
Salute
Ebook
Sicurezza 2
Ufficio
Grafica
Telefonia
Utility
Giochi
Pillole
Help
Ricerca
 

 

 

CCT obbligazioni emesse dallo Stato per finanziare opere pubbliche e attività istituzionali ...

CCT      obbligazioni a medio lungo termine con cedole

CCT

 

Certificati

di Credito

del Tesoro

 

I CCT sono titoli di Stato al portatore a termine medio lungo con scadenza (dal 1991) a 7 anni destinati esclusivamente al mercato telematico. Sono emessi generalmente ogni 15 giorni ad un prezzo marginalmente stabilito attraverso un asta della Banca d'Italia riservata agli operatori istituzionali nella quale viene stabilito il prezzo di emissione e rimborsati alla scadenza al valore nominale di 100.
Gli operatori autorizzati (Banche Posta, ecc.) rivendono i titoli acquistati in lotti di 1.000,00 € ai singoli risparmiatori che li hanno prenotati entro il giorno precedente all'asta al prezzo determinato dall'asta stessa maggiorato della loro commissione che però deve essere contenuta entro i limiti fissati dallo Stato per decreto. Dal giorno successivo all'asta vengono quotati in borsa.
Sono titoli a tasso variabile che vengono rimborsati alla cadenza ma offrono un rendimento sotto forma di interessi pagati con cedole semestrali posticipate il cui valore è determinato di volta in volta dal rendimento dei BOT semestrali emessi nel periodo di riferimento incrementato di un'aliquota variabile tra 0,3% e 1% in funzione della durata dei CCT e decurtata dell'aliquota fiscale del 12.50%.
I CCT offrono cedole quindi l'utile è dato solo in misura marginale dalla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di rimborso (sempre pari a 100,00 € ) e in larghissima parte dall'utile ottenuto con le cedole semestrali. Sulla differenza tra prezzo di emissione e rimborso viene applicata l'aliquota fiscale del 12,50%.
Anche i CCT sono generalmente disponibili nel mercato telematico (MOT) durante la loro vita utile e possono essere acquistati e ceduti in ogni momento secondo le quotazioni di mercato e la disponibilità della domanda e dell'offerta (pagando le relative commissioni): in questa fase risentono molto, soprattutto nei primi anni, degli umori di mercato e possono offrire margini di utili in caso di forti oscillazioni del mercato azionario, dell'inflazione e del tasso ufficiale di sconto.

Approfondimenti:

 Livello di rischio: medio

Azioni
Obbligazioni
Titoli di Stato
Fondi comuni
Sicav
Decalogo
Dietimi
BOT
CTZ
CCT
BTP
Portafoglio
Gestione
Andamento
Petrolio

I CCT sono una forma di investimento a medio termine che offrendo cedole variabili ricalcolate ogni sei mesi si adeguano quindi due volte l'anno ai consueti parametri dell'inflazione, del costo del denaro, ecc. possono quindi fornire in un periodo medio lungo un rendimento più adeguato rispetto ai titoli privi di cedola (BOT e CTZ) e anche a quelli a reddito fisso (BTP) ma in condizioni particolari di mercato possono essere svantaggiosi rispetto ai BOT a brevissimo corso o ai BTP di lungo periodo con tasso fisso vantaggioso.


I CCT si rivelano appetibili per chi desidera ottenere una rendita semestrale in grado di seguire l'andamento dei mercati senza eccessive sorprese o per coloro che intendono speculare sulle oscillazioni del titolo che possono essere anche sensibili nei primi anni di vita utile del titolo cioè lontani dalla scadenza in vicinanza della quale le variazioni di mercato si appiattiscono sensibilmente e le commissioni applicate quando il titolo viene negoziato rendono tali operazioni inefficaci per il risparmiatore.

    Argomenti correlati:

La normativa sui titoli di Stato a tutela dei risparmiatori

Il calcolo dei dietimi per i CCT e i BTP

Decreto legge 12 febbraio 2004