Come investire i risparmi senza rischi: previsioni 2019

0

Per i piccoli e grandi investitori il 2018 è stato un anno negativo. Le azioni e le obbligazioni hanno perso valore e le materie prime non sono riuscite a mantenere il potere di acquisto, come solitamente riescono a fare.

La scelta del migliore investimento per il 2019 non è facile, in quanto si prevede molta incertezza, causata anche dagli effetti del protezionismo voluto da Trump, dall’andamento dell’Euro e dal rallentamento dell’economia mondiale.

L’orizzonte temporale d’investimento

La decisione per il migliore investimento da scegliere per il 2019 parte dalla decisione corretta delle tempistiche d’investimento. Per sapere come investire i risparmi senza rischi, poiché i mercati finanziari sono imprevedibili nel breve termine, è fondamentale prendere la decisione valutando il lungo periodo, poiché i mercati rispondono a determinate e prevedibili regole nel lungo periodo.

Si può pensare che la decisione d’investimento sia collegata alla scelta tra azioni, obbligazioni, ETF, fondi, liquidità e materie prime, ma si deve partire dal presupposto che nel lungo periodo è fondamentale investire in azioni. Il rapporto tra azioni e orizzonte temporale d’investimento potrebbe essere di questo genere:

  • dai 2 ai 5 anni: investimento in azioni tra il 20% e il 30%;
  • dai 5 ai 10 anni: investimento in azioni tra il 30% e il 50%;
  • oltre 10 anni: investimento in azioni superiore al 50%.

Propensione al rischio

Ovviamente non bisogna dimenticarsi che le decisioni d’investimento dipendono anche dalla propria propensione al rischio: tanto meno si è propensi a rischiare, minore sarà la percentuale di azioni da detenere nel proprio portafoglio d’investimento. Non bisogna però dimenticarsi che, con l’aumento del periodo d’investimento, il rischio si riduce poiché le performance aumentano.

Se si è poco propensi al rischio si tenderà ad avere in portafoglio una minore quantità di titoli azionari, ma se il periodo d’investimento scelto è più ampio non si può considerare di avere poche azioni. Queste aumenteranno di valore con l’aumentare del tempo di detenzione e il rischio dell’investimento diminuirà con l’aumentare della durata dell’investimento stesso.

La scelta dell’investimento migliore

Una volta definito le tempistiche e la percentuale di ripartizioni della propria somma di denaro tra le varie opzioni d’investimento, si potrà decidere su quali precisi prodotti investire. La diversificazione è fondamentale per ridurre il rischio: per questo motivo è meglio investire in prodotti che coprano ampie aree geografiche.

È molto importante anche cercare prodotti con bassi costi e basse commissioni. Sotto questo punto di vista si dovrebbero prediligere gli ETF.

La scelta degli investimenti migliori per il 2019

La decisione per il migliore investimento per il 2019 dovrà essere eseguita scegliendo tra:

  • mercato monetario;
  • conti deposito;
  • obbligazioni;
  • azioni;
  • fondi comuni d’investimento;
  • Etf;
  • materie prime.

Mercato monetario

Il mercato monetario è una buona opportunità per conservare il proprio capitale; se si decide di tenere liquidità in valuta diversa da Euro si può ottenere un guadagno anche in base all’andamento dei tassi di cambio sul Forex.

Conti deposito

I piccoli risparmiatori possono decidere di investire in liquidità attraverso i conti deposito che attualmente hanno un basso rendimento, ma permettono di:

  • ridurre la volatilità dei propri investimenti;
  • detenere delle somme di denaro subito disponibili nel brevissimo periodo.

Obbligazioni

Se invece si vuole avere la garanzia di una cedola certa, bisogna scegliere di investire in obbligazioni. Con l’aumento dei tassi d’interessi dei BOND a 2 anni degli USA e quindi il relativo aumento degli interessi dei BTP a 10 anni italiani, le obbligazioni potrebbero diventare una buona scelta a livello di rendimento e in un’ottica di diversificazione.

Azioni

Tra le azioni su cui si può puntare per la scelta d’investimento del 2019 ci sono:

  • Amazon: è prevista una crescita quasi sicura per l’anno 2019. Il rischio ovviamente non è pari a zero, ma investire in questa azienda è quasi una certezza;
  • Netflix: anche per questa azienda si ha una previsione di crescita per il 2019, il cui prezzo risulta essere regolare da diverso tempo.;
  • Nvidia: il prezzo di queste azioni è cresciuto nel 2018, ma se ne prevede una maggiore crescita per il 2019.

Fondi comuni d’investimento

Esistono migliaia di tipi di fondi comuni d’investimento tra cui poter scegliere; può risultare estremamente difficile scegliere il miglior fondo comune d’investimento. E non è facile prevedere quale potrà essere il migliore nel 2019. Le principali categorie di fondi comuni d’investimenti possono essere:

  • Fondi comuni azionari, suddivisi per tipologia di aziende o per aree geografiche;
  • Fondi comuni obbligazionari: suddivisi per area geografica e tipologia di obbligazioni;
  • Fondi comuni d’investimento misti o bilanciati;
  • Fondi comuni d’investimento etici;
  • Fondi comuni d’investimento immobiliari.

Seppur i costi di gestione dei fondi comuni d’investimento non sono mai bassi e la scelta tra le migliaia di fondi proposti può risultare difficile, i fondi comuni d’investimento possono garantire dei buoni rendimenti.

Gli ETF

Gli ETF sono fondi d’investimento (o Sicav) con una gestione passiva, diversamente da fondi comuni d’investimenti caratterizzati da una gestione attiva. La scelta di investire in ETF permette di diversificare poiché investire in ETF è come investire in un paniere di titoli; il valore dell’ETF dipenderà dal risultato di tutti gli strumenti che lo compongono.

Una caratteristica fondamentale degli ETF sono i bassi costi di gestione che li caratterizzano. Basse commissioni permettono a questo tipo d’investimento di garantire una maggiore performance.

Investimento in Oro

Un’opzione possibile di scelta d’investimento per il 2019 è quella in oro. L’oro è un investimento relativamente sicuro, poiché il suo valore è dato dal valore intrinseco dello stesso e quindi diventa un bene rifugio in casi di incertezza dei mercati o di forti fluttuazioni.

Per questo tipo d’investimento si può scegliere tra:

  • Investimento in oro fisico;
  • Investimento in oro finanziario.

Nel primo caso bisogna acquistare oro in lingotti o in monete e sostenere costi per la loro detenzione in cassette di sicurezza.

Nel secondo caso bisogna scegliere:

  • ETF sull’oro;
  • Future sull’oro;
  • Opzioni sull’oro;
  • Azioni di società minerarie.

Il valore intrinseco dell’oro permette di mantenerne il valore nel tempo, quindi in una fase di incertezza ci si può rifugiare in questa scelta, senza però dimenticarsi quanto è fondamentale diversificare i propri investimenti.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.