iPhone X e ricarica rapida: come raggiungere la massima velocità?

0

Il nuovissimo iPhone X, come avviene per tutti gli smartphone, viene fornito con un caricatore nella confezione, ma, è possibile constatare che dopo aver speso più di 1000€, questo sia un classico caricabatterie da 1A a ricarica standard. Secondo Apple, l’iPhone X (e l’iPhone 8 e 8 Plus) in realtà supportano la ricarica rapida simil-Quick Charge per un boost fino al 50% in soli 30 minuti. Sfortunatamente, ottenere tale velocità necessita di accessori aggiuntivi non presenti nella confezione di acquisto, accessori non proprio economici.

Esistono due modi per ricaricare i nuovi iPhone più rapidamente rispetto al metodo standard: uno più veloce ma costoso, l’altro più lento (rispetto a quello più costoso, più veloce rispetto alla ricarica classica) ma meno costoso. Vediamo quali sono.

Ricarica alla massima velocità

Se vuoi caricare l’iPhone X alla massima velocità possibile – di nuovo, la reclame di Apple è del 50 percento in 30 minuti – allora si deve usare lo standard USB-C. In particolare, avremo bisogno di un cavo USB-C a Lightning e di un caricabatterie che supporti le specifiche USB-C Power Delivery (USB-C PD). Sfortunatamente, questi accessori non sono particolarmente economici.

Cavo USB-C a Lightning:

Se si desidera acquistare un cavo USB-C a Lightning, l’unica soluzione è procurarsene uno origiane Apple. Punto. Apple ha pieno controllo sullo standard proprietario Lightning e non ha consentito ai produttori di terze parti di realizzare dei propri cavi USB-C a Lightning.

In commercio esistono delle particolari varianti più economiche, ma, dato che stiamo parlando di un cavo che dovrà essere collegato da una parte ad uno smartphone da più di 1000€ – lo stesso discorso vale anche per la serie 8 – dall’altra ad un caricatore ad alta potenza progettato per trasferire più carica possibile nel minor tempo, rischiare per risparmiare anche 10€ non ha proprio senso.

Ad ogni modo, speriamo che un giorno Apple aprirà le porte e consentirà di riprodurre cavi di terze parti autorizzati per Lightning a USB-C, ma per ora, le alternative sono solo due: il cavo da un metro (a 29€) o da due metri (a 39€) di Apple.

Caricabatterie USB-C PD:

Se da una parte, per lo standard Lightning siamo bloccati, dal momento che l’USB-C è uno standard aperto, esistono alternative valide rispetto ad Apple. La cattiva notizia è che i caricatori USB-C PD sono ancora costosi. L’altro problema è che Apple non ha comunicato quale sia la velocità massima di ricarica rapida per i nuovi telefoni, ma si è limitata a dire che ha raggiunto quei risultati di ricarica rapida con i suoi caricabatterie USB-C da 29W, 61W e 87W per i nuovi MacBook e MacBook Pro. Poiché i caricatori USB-C di Apple partono dai 49€ circa, probabilmente vale la pena cercare altrove, a meno che tu non ne abbia già uno.

Tuttavia, si presuppone che l’intervallo dei 29W sia l’opzione più sicura, dal momento che l’iPhone è ancora un telefono. Tenendo quindi questo bene in mente, vi consigliamo alcuni articoli che non distruggeranno il tuo portafoglio. Dato che lo standard USB-C è ancora tutto da scoprire, vale la pena controllare le recensioni e attenersi ai marchi più conosciuti (ancora una volta, stiamo cercando di evitare di friggere l’iPhone più costoso di sempre).

Tra i marchi consigliati, sia dalla redazione che dai blog presenti online – del settore – come passionepowerbank.com, vi è Anker prima fra tutti, famosa anche per i suoi power bank, forse i migliori sul mercato, seguono poi Aukey, dodocool e HooToo per gli switch hub.

Più lenta, ma più economica

L’alternativa alla carica rapida USB-C a Lightning è la ricarica tramite un caricatore per iPad (o in realtà qualsiasi caricabatterie da 12W 2,4 A), che Apple ha aggiunto come supporto a partire dall’iPhone 6. Il vantaggio di questo è che sono più economici, più facili da trovare e sono utilizzabili con un normale cavo USB A a Lightning, come quello presente nella dotazione dell’iPhone X.

Il rovescio della medaglia è che mentre è più veloce del caricatore standard che viene fornito con il telefono, non raggiunge ovviamente la massima velocità di ricarica rapida che un caricatore USB-C può invece offrire. Secondo i vari test presenti online, con questo metodo si raggiungono le due ore per una carica completa, rispetto alle tre con la ricarica classica.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.